Normative e marcatura

EN 166 - Normativa generale

La presente norma europea contiene le specifiche di costruzione ed i requisiti funzionali e prestazionali (proprietà ottiche e meccaniche) dei vari tipi di protettori individuali dell’occhio, oltre che i requisiti di marcatura.

EN 169 - Filtri per la saldatura

La presente norma europea specifica i numeri di scala ed i requisiti del fattore di trasmissione dei filtri destinati a proteggere gli operatori che svolgono un lavoro che comprende la saldatura, la saldobrasatura, taglio ad arco e taglio plasma jet.

EN 170 - Filtri ultravioletti

La presente norma europea specifica i numeri di scala ed i requisiti del fattore di trasmissione dei filtri per la protezione dalle radiazioni ultraviolette.

EN 172 - Filtri solari per uso industriale

La presente norma specifica i numeri di graduazione, i fattori di trasmissione ed i relativi requisiti per i filtri solari per uso industriale.

STANAG 2920 - Metodo di prova balistico per materiali per armatura e abbigliamento da combattimento personale

Norma che racchiude un insieme di direttive per l’esecuzione di prove balistiche volte a determinare il livello di protezione fornito da equipaggiamento personale e divise da combattimento.

STANAG 4296 - Protezione degli occhi per il singolo soldato/Protezione balistica

Norma che si basa sulla STANAG 2920 e su molte altre specifiche militari per determinare i criteri da rispettare per gli occhiali protettivi militari. A differenza della STANAG 2920 che riguarda qualsiasi tipo di protezione balistica, la STANAG 4296 riguarda solo gli occhiali protettivi.

REACH

Allo scopo di tutelare la salute dei consumatori, l’Unione Europea ha emanato il Regolamento Reach (entrato in vigore il 1° Giugno 2007) che vieta l’utilizzo di talune sostanze chimiche. COFRA garantisce la conformità al Regolamento Reach di tutti i protettori dell’occhio; essi non contengono sostanze vietate o limitate (Ammine aromatiche e 4-aminoazobenzene derivate da azocoloranti, metalli pesanti, ftalati, ecc) e, per garantire ciò, vengono effettuati controlli su tutti i tessuti e accessori utilizzati durante le fasi di produzione.
EACTP TC 019/2011
Regolamento tecnico sulla sicurezza dei dispositivi di protezione individuali posti in circolazione nel territorio dell’unione doganale Euroasiatica.

Marcatura-IT


NUMERO DI SCALA

NUMERO DI CODICENUMERO DI GRADUAZIONETIPO DI FILTRO
 daa
2 1,2 5 Filtri per ultravioletti (UV) 
2C
3
1,2 5 Filtri per ultravioletti (UV) con buon riconoscimento dei colori
4 1,2 10 Filtri per infrarossi (IR)
5 1,1 4,1 Filtri solari (senza specifiche IR)
6 1,1 4,1 Filtri solari (con specifiche IR)
nessuno 1,2 16 Filtri per saldatura

Il numero di scala è la combinazione di un numero di codice ed un numero di graduazione del filtro, uniti da un trattino.


CAMPI DI APPLICAZIONE

SIMBOLOPROTEZIONE CONTRODESCRIZIONE DEL CAMPO DI APPLICAZIONETIPO DI PROTETTORE DELL'OCCHIO
Occhiali    Occhiali a visiera/maschereSchermi facciali
nessuno Basic Pericoli meccanici non specificati e pericoli derivanti
dalle radiazioni ultraviolette, visibili, infrarosse e solari
 OCCHIALI-ico  VISIERA-MASK-ico  SCHERMI-ico
3* Liquidi Goccioline di liquido Non applicabile   VISIERA-MASK-ico Non applicabile 
Spruzzi di liquido  Non applicabile  Non applicabile  SCHERMI-ico
4* Particelle di polvere di grandi dimensioni Polvere con particelle di dimensioni > 5 μm Non applicabile  VISIERA-MASK-ico Non applicabile 
5* Gas e particelle di polveri fini Gas, vapori, spruzzi, fumo e polvere con particelle di dimensioni < 5 μm Non applicabile  VISIERA-MASK-ico Non applicabile 
8** Arco elettrico da cortocircuito Arco elettrico dovuto a cortocircuito nell’impianto elettrico Non applicabile   Non applicabile  SCHERMI-ico
9*** Metalli fusi e solidi caldi Spruzzi di metalli liquidi e penetrazione di solidi caldi Non applicabile   VISIERA-MASK-ico  SCHERMI-ico

* Il o i simboli 3, 4 e 5 devono essere indicati sulla montatura. Se la montatura del protettore dell’occhio non è marcata con nessuno di questi simboli, allora tale protettore dell’occhio non è da intendersi come adatto alla protezione dai rischi chimici.

** Il simbolo 8 deve essere indicato sia sulla lente che sulla montatura per garantire la protezione da rischi elettrici. Affinché uno schermo facciale sia conforme al simbolo 8, esso deve essere dotato di un filtro con numero di scala 2-1,2 o 3-1,2 e avere uno spessore minimo di 1,4 mm.

*** Il simbolo 9 deve essere indicato sia sulla lente che sulla montatura per garantire la protezione da rischi termici. Affinché un protettore dell’occhio sia conforme al simbolo 9, sia la montatura sia l’oculare devono essere marcati con questo simbolo unitamente a uno dei simboli F, B o A.


CLASSE OTTICA (Tutte le lenti COFRA sono di classe ottica 1)

SIMBOLODESIGNAZIONE
1 Lavoro continuo
2 Lavoro intermittente
3 Lavoro occasionale (non destinato ad un utilizzo prolungato)

RESISTENZA MECCANICA

SIMBOLOIMPATTOTIPO DI PROTETTORE DELL'OCCHIO
Livello di impatto   Velocità di impattoOcchialiOcchiali a visiera/maschereSchermi facciali

 A*

AT**

Impatto ad alta energia 190 m/s (684 km/h)
Sfera di acciaio con diametro
di 6 mm e massa di 0,86 g
Non applicabile  Non applicabile  SCHERMI-ico

B*

BT**

Impatto a media energia 120 m/s (432 km/h)
Sfera di acciaio con diametro
di 6 mm e massa di 0,86 g
 Non applicabile   VISIERA-MASK-ico  SCHERMI-ico

F*

FT**

Impatto a bassa energia 45 m/s (162 km/h)
Sfera di acciaio con diametro 

di 6 mm e massa di 0,86 g
OCCHIALI-ico   VISIERA-MASK-ico SCHERMI-ico 
S Robustezza incrementata 5,1 m/s (18,36 km/h)
Sfera di acciaio con diametro 

di 22 mm e massa di 43 g
OCCHIALI-ico   VISIERA-MASK-ico SCHERMI-ico 
nessuno Minima robustezza    OCCHIALI-ico  VISIERA-MASK-ico  SCHERMI-ico

* Se il simbolo F, B o A non è comune sia alle lenti che alla montatura, allora viene assegnato il valore inferiore agli occhiali di protezione completi.

** Se è richiesta la protezione contro le particelle ad alta velocità alle temperature estreme (-5°C e +55°C), allora gli occhiali di protezione considerati devono essere marcati con la lettera T immediatamente dopo la lettera indicante la resistenza all’impatto, cioè FT, BT o AT. Se la lettera indicante la resistenza all’impatto non è seguita dalla lettera T, allora gli occhiali di protezione devono essere usati solo contro le particelle ad alta velocità a temperatura ambiente.


REQUISITI OPZIONALI

SIMBOLODESIGNAZIONE
K Resistenza degli oculari al danneggiamento di superficie causato da particelle fini
N Resistenza all’appannamento degli oculari
R Riflettanza incrementata degli oculari nell’infrarosso
H Montatura progettata per una testa di piccole dimensioni

Questo sito utilizza i cookie, anche di profilazione di terze parti. Continuando a navigare il sito l'utente accetta di utilizzare i cookie.