Normative e marcatura

Tutti i guanti COFRA sono progettati in modo che, nelle condizioni di utilizzo prevedibili, possano offrire la protezione adeguata per l’utilizzatore. Le prestazioni dei DPI sono indicate attraverso il pittogramma e relativi indici ad esso affiancati e sono state certificate basandosi su test di laboratorio.

EN 420:2003+A1:2009 - Guanti di protezione - Requisiti generali e metodi di prova

Definisce i requisiti legati a progettazione e fabbricazione, innocuità dei guanti, taglie, destrezza, marcature. La conformità alla EN 420:2003+A1:2009 è obbligatoria per ogni tipologia di guanto ma non ne è necessaria la marcatura. Ogni ulteriore informazione tecnica è riportata sulla nota informativa presente nell’imballaggio di ogni prodotto.

DESTREZZA

La destrezza è la capacità di manipolazione nell’eseguire movimenti con l’uso del guanto. A seconda dell’uso a cui è destinato, un guanto dovrebbe offrire il massimo di destrezza possibile. Questa dipende da numerosi fattori, per esempio lo spessore del materiale del guanto, la sua elasticità e la sua deformabilità. COFRA effettua il test della destrezza su ogni singolo guanto, in modo da poter selezionare il miglior campo d’applicazione. La normativa EN 420:2003+A1:2009 prevede diversi livelli prestazionali per un range che va da 1 (bassa destrezza) ad un massimo di 5 (massima destrezza).

06 

Art. LIMBER (destrezza 5), consente di maneggiare con la massima precisione anche gli oggetti più piccoli

07

 
 08

Art. INOX (destrezza 3), garantisce un livello elevato di protezione e resistenza del guanto, mantenendo un livello di destrezza adeguato al campo di applicazione

09

 

EN 388:2003 - Guanti di protezione contro rischi meccanici

Definisce la protezione da almeno uno dei seguenti rischi meccanici (se non è raggiunto almeno il livello 1 la marcatura sarà “0”):

01  

LIVELLI

PRESTAZIONI

1

2

3

4

5

A. Resistenza all’abrasione (cicli)

100

500

2.000

8.000

--

B. Resistenza al taglio da lama (indice)

1,2

2,5

5,0

10,0

20,0

C. Resistenza alla lacerazione (Newton)

10

25

50

75

--

D. Resistenza alla perforazione (Newton)

20

60

100

150

--

EN ISO 13997:1999 - Indumenti di protezione - Proprietà meccaniche - Determinazione della resistenza al taglio causato da oggetti taglienti

Definisce la resistenza al taglio, misurando la forza di pressione necessaria alla lama per poter tagliare il guanto durante il test. E’ utilizzabile solo nel caso di guanti realizzati con materiali molto resistenti al taglio (che raggiungono almeno il livello 4 di resistenza al taglio della norma EN 388:2003). Può raggiungere livello 4 o 5:

 

LIVELLI

PRESTAZIONI

4

5

Resistenza al taglio da oggetti taglienti (Newton)

≥ 13 N

≥ 22 N

EN 388:2016 - Aggiornamento della Norma Europea EN 388:2003

Revisione della Norma EN 388 sui guanti protettivi per rischi meccanici, che accresce l’accuratezza e l’affidabilità delle prove di taglio.
L’attuale EN 388:2003 descrive il metodo di prova chiamato Coup Test il quale calcola il numero di cicli necessari per tagliare il guanto a una pressione di 5N (circa 500 g).
La EN 388:2016 introduce un secondo test, il TDM Test definito dalla EN ISO 13997:1999 (lama dritta, che si muove ad una distanza prefissata, soggetta a forza variabile) il quale sarà adottato per i guanti resistenti al taglio mentre sarà facoltativo per i guanti meno resistenti ai quali verrà applicato il metodo di prova del Coup Test. Livelli di resistenza al taglio misurati secondo il TDM Test:

 

LIVELLI

PRESTAZIONI

A

B

C

D

E

F

TMD Test (N)

 ≥ 2

≥ 5

≥ 10  ≥ 15  ≥ 22

≥ 30


01

 

 

 

 

 

I guanti testati in base alla EN 388:2016 sono marcati con il pittogramma a lato che indica i livelli di protezione per i seguenti rischi meccanici (se non è raggiunto almeno il livello 1 la marcatura sarà “0”, mentre avrà marcatura “x” se non viene effettuato alcun test):

PRESTAZIONI

 LIVELLI

    

A. Resistenza all’abrasione

1 - 4

 


Guanto conforme se raggiunge almeno il livello 1 di un dei 4 test o il livello A del TDM Test.

B. Resistenza al taglio da lama - Coup Test

1 - 5

C. Resistenza allo strappo (o lacerazione)

1 - 4

D. Resistenza alla perforazione

1 - 4

E. Resistenza al taglio TDM Test

A - F

Test effettuato quando il guanto è realizzato con materiali ad alta resistenza al taglio
F. Protezione da Impatto

Superato
Fallito


Test facoltativo
 

F. Protezione da impatto - Test facoltativo per i guanti che dispongono di protezioni aggiuntive per la protezione dagli impatti. Ciascuna area del guanto, in cui la protezione all’impatto è presente, deve essere testata ad esclusione delle dita.

EN 407:2004 - Guanti di protezione contro rischi termici (calore e/o fuoco)

Definisce la protezione da almeno una delle seguenti fonti di calore (se non è raggiunto almeno il livello 1 la marcatura sarà “0”):

02

 

LIVELLI

PRESTAZIONI

1

2

3

4

A. Comportamento al fuoco

Tempo di persistenza della fiamma

≤ 20 s

≤ 10 s

≤ 3 s

≤ 2 s

Incandescenza residua

Nessun requisito

≤ 120 s

≤ 25 s

≤ 5 s

B. Calore da contatto (temperatura di contatto e tempo di soglia)

100 °C
≥ 15 s

250 °C
≥ 15 s

350 °C
≥ 15 s

500 °C
≥ 15 s

C. Calore convettivo – HTI (indice di trasmissione del calore)

≥ 4 s

≥ 7 s

≥ 10 s

≥ 18 s

D. Calore radiante (tempo di trasferimento del calore)

≥ 7 s

≥ 20 s

≥ 50 s

≥ 95 s

E. Piccoli spruzzi di metallo fuso (numero di goccioline)

≥ 10

≥ 15

≥ 25

≥ 35

F. Grandi proiezioni di metallo fuso (massa di ferro fuso)

30 g

60 g

120 g

200 g

EN 12477:2001+A1:2005 - Guanti di protezione per saldatori

Definisce le prestazioni di saldatura dividendole tra TIPO A e TIPO B, dove il TIPO A identifica i guanti ad elevate prestazioni ma, conseguentemente, a bassa destrezza, mentre al contrario il TIPO B identifica i guanti ad alta destrezza ma con prestazioni più contenute.


REQUISITI GENERALI
Prestazione minima richiesta  Taglia del
guanto
Adatto per
mani misura

Lunghezza
minima del

guanto [mm]

Numero EN TIPO A TIPO B
 Resistenza all'abrasione  EN 388  2 (500 cicli)

 1 (100 cicli)

6 (XS)

 6

 300

 Resistenza al taglio da lama  EN 388

 1 (indice 1,2)

 1 (indice 1,2)

 Resistenza allo strappo  EN 388

 2 (25 N)

 1 (10 N)

7 (S) 7 310
 Resistenza alla perforazione  EN 388  2 (60 N)  1 (20 N)
 Comportamento al fuoco  EN 407  3  2 8 (M) 8 320
 Resistenza al calore per contatto  EN 407  1 (temperatura di contatto 100 °C)  1 (temperatura di contatto 100 °C)
 Resistenza al calore convettivo  EN 407 2 (HTI ≥ 7)   - 9 (L) 9 330
 Resistenza a piccoli spruzzi di metallo fuso  EN 407  3 (25 gocce)  2 (15 gocce)
 Destrezza EN 420  1 (diametro minimo 11 mm)  4 (diametro minimo 6,5 mm)

 10 (XL)

10 340
I guanti di TIPO B sono raccomandati quando è richiesta un’alta destrezza, come per la saldatura TIG. I guanti di TIPO A sono raccomandati per altri procedimenti di saldatura.

 11 (XXL)

11 350

EN 511:2006 - Guanti di protezione contro il freddo

Definisce la protezione da almeno una forma di freddo tra convettivo e da contatto, mentre l’impermeabilità è facoltativa:

03 

 

LIVELLI

PRESTAZIONI

0

1

2

3

4

A. Freddo convettivo
Isolamento termico ITR in m2 K/W

--

0,10 ≤ ITR < 0,15

0,15 ≤ ITR < 0,22

0,22 ≤ ITR < 0,30

0,30 ≤ ITR

B. Freddo da contatto
Resistenza termica R in m2 K/W

--

0,025 ≤ R < 0,05

0,05 ≤ R < 0,10

0,10 ≤ R < 0,15

0,15 ≤ R

C. Impermeabilità

Non impermeabile

Impermeabile

--

--

--

EN 374-1:2003 - Guanti di protezione contro prodotti chimici e microrganismi - Parte 1: Terminologia e requisiti prestazionali
EN 374-2:2003 - Guanti di protezione contro prodotti chimici e microrganismi - Parte 2: Determinazione della resistenza alla penetrazione
EN 374-3:2003 - Guanti di protezione contro prodotti chimici e microrganismi - Parte 3: Determinazione della resistenza alla permeazione dei prodotti chimici

Definiscono i requisiti dei guanti destinati a proteggere l’utilizzatore contro prodotti chimici e/o microrganismi.

016 

Protezione da prodotti chimici 

Il guanto marcato con il pittogramma a lato deve raggiungere un livello prestazionale di permeazione minimo pari a 2 ad almeno tre dei prodotti chimici del seguente elenco:

 LETTERA CODICEPRODOTTO CHIMICONUMERO CAS

CLASSE 

  A

Metanolo 67-56-1 Alcol primario

  B

Acetone 67-64-1 Chetone

  C

Acetonitrile 75-05-8 Composto di nitrile
  D  Diclorometano  75-09-2  Paraffina clorata
  E  Disolfuro di carbonio  75-15-0  Zolfo contenente composto organico
  F  Toluene  108-88-3  Idrocarburo aromatico
  G  Dietilammina  109-89-7  Ammina
  H  Tetraidrofurano 109-99-9  Composto eterociclico e di etere
  I  Acetato d’etile  141-78-6  Estere
  J  n-eptano  142-85-5 Idrocarburo saturo 
  K  Idrossido di sodio 40%  1310-73-2  Base inorganica
  L  Acido solforico 96%  7664-93-9  Acido minerale inorganico

Il livello prestazionale di permeazione indica, per ogni prodotto chimico ed in seguito al contatto costante con esso, il suo tempo di passaggio dalla superficie esterna a quella interna del guanto.

00 

 LIVELLO PRESTAZIONALE DI PERMEAZIONE

1  2 3 4 5 6

TEMPO DI PASSAGGIO MISURATO (min)

> 10

> 30

> 60

> 120

> 240

 > 480
 Le tre lettere “XYZ” riportate sotto il pittogramma indicano i prodotti chimici per i quali il livello prestazionale di permeazione del guanto risulta almeno pari a 2 (e quindi un tempo di passaggio di almeno 30 minuti).
017 

Impermeabilità all’acqua e bassa protezione chimica
Il guanto marcato con il pittogramma a lato (“Bassa protezione chimica e Impermeabilità all’acqua”) risulta conforme alla prova di penetrazione e raggiunge un livello prestazionale di permeazione almeno pari a 2 (e quindi un tempo di passaggio di almeno 30 minuti) a meno di tre prodotti chimici dell’elenco.

018 Protezione da microrganismi
I guanti sono considerati come resistenti ai microrganismi e costituiscono un’efficace barriera contro funghi e batteri, ma non virus, quando corrispondono almeno al livello di prestazione 2 (AQL<1,5) della prova di penetrazione. Per determinare tale livello di prestazione vengono prelevati e controllati in conformità alla ISO 2859 i guanti provenienti da ogni lotto di produzione.
 

LIVELLO DI PRESTAZIONE

 UNITÀ DI LIVELLO DI QUALITÀ ACCETTABILE (AQL) 

 LIVELLI DI COLLAUDO

  Livello 3 < 0,65

G1 

  Livello 2 < 1,5 G1 
  Livello 1 < 4,0 S4

EN 421:1994 - Guanti di protezione contro le radiazioni ionizzanti e la contaminazione radioattiva

030 

Specifica i requisiti ed i metodi di prova per i guanti destinati a proteggere contro le radiazioni ionizzanti e la contaminazione radioattiva. Per i guanti che forniscono protezione contro la contaminazione da particolato radioattivo, deve essere utilizzato il pittogramma a lato. Inoltre, il guanto deve essere impermeabile e deve superare la prova di penetrazione prevista dalla norma EN 374.

EN 455 - Guanti medicali monouso

031 

EN 455-1:2000 - Assenza di fori. Requisiti e prove
Specifica i requisiti e fornisce il metodo per la prova dei guanti medicali monouso al fine di determinare l’assenza di fori (prova di tenuta d’acqua per la rilevazione di fori, campionamento, livello di controllo e AQL).
EN 455-2:2011 - Requisiti e prove per le proprietà fisiche
Specifica i requisiti e fornisce i metodi di prova per le proprietà fisiche dei guanti medicali monouso (dimensioni e resistenza), al fine di assicurare durante il loro utilizzo un adeguato livello di protezione del paziente e dell’utilizzatore dalla reciproca contaminazione.
EN 455-3:2006 - Requisiti e prove per la valutazione biologica
Specifica i requisiti relativi alla valutazione della sicurezza biologica dei guanti medicali monouso. Essa fornisce i requisiti relativi all’etichettatura ed al confezionamento dei guanti, nonché alla divulgazione delle informazioni relative ai metodi di prova impiegati.
EN 455-4:2009 - Requisiti e prove per la determinazione della durata di conservazione
Specifica i requisiti per la durata di conservazione dei guanti medicali monouso. Essa specifica inoltre i requisiti per l’etichettatura e la divulgazione delle informazioni relative ai metodi di prova utilizzati.

EN 1149-1:2006 - Indumenti di protezione - Proprietà elettrostatiche

Parte 1: Metodo di prova per la misurazione della resistività di superficie

019 

 La norma specifica un metodo di prova per materiali destinati ad essere utilizzati nella fabbricazione di indumenti (o guanti) di protezione che dissipano cariche elettrostatiche, per evitare scariche che possano innescare incendi.


 

EN ISO 17231:2011 – Cuoio - Prove fisiche e meccaniche - Determinazione dell’idrorepellenza del cuoio per abbigliamento

EN-ISO-17231-2011-WATER-REPELLENT2
 




Viene valutata la idrorepellenza dello strato di pelle, determinando la percentuale di assorbimento dell’acqua. Il risultato è espresso in termini percentuali.

EN ISO 14419:2010 – Tessili - Oleorepellenza - Prova di resistenza agli idrocarburi

EN-ISO-14419-2010-OIL-REPELLENT2
 

 



Viene valutata l’oleorepellenza dello strato superficiale, testando la resistenza all’assorbimento da parte di una serie di liquidi idrocarburi aventi differenti tensioni superficiali. Il risultato può raggiungere valori compresi tra il livello 0 ed il livello 8.

Regolamenti europei relativi al contatto con gli alimenti

Normativa-Alimentare 


I prodotti destinati al contatto diretto con gli alimenti devono riportare il pittogramma “bicchiere e forchetta”, richiamando la conformità al Regolamento CE n.1935/2004 (“Materiali ed oggetti destinati al contatto con prodotti alimentari”) e, per quanto riguarda i guanti in particolare, anche al più specifico Regolamento UE n.10/2011 (“Materiali ed oggetti in plastica destinati al contatto con prodotti alimentari”). Ciò significa che tutti i materiali utilizzati per la realizzazione del guanto non devono costituire alcun pericolo per la salute umana e non devono comportare alcuna modifica o deterioramento degli alimenti. A tal fine i prodotti alimentari sono classificati in 5 gruppi e viene testata la conformità del guanto al contatto con ognuno di essi. In ultima analisi, quindi, un guanto può essere adatto per il contatto con alcuni gruppi di alimenti e non per gli altri. Per una corretta informazione circa le tipologie di alimenti opportune per ogni guanto le aziende produttrici devono rilasciare informazioni tramite la Dichiarazione di Conformità.

OEKO-TEX®

OEKO-TEX 


Il marchio OEKO-TEX® è una Certificazione Volontaria di Prodotto con la quale l’Azienda certificata si impegna a mantenere nel tempo le caratteristiche di non nocività dei propri prodotti. Il marchio OEKO-TEX® Standard 100 garantisce che i prodotti tessili (o accessori dei prodotti tessili, anche metallici) non contengono o rilasciano sostanze nocive per la salute dell'uomo (pesticidi, metalli pesanti, formaldeide, ammine aromatiche, coloranti allergizzanti ecc.). I guanti certificati OEKO-TEX® sono perfettamente conformi ai requisiti imposti dalla norma EN 420:2003+A1:2009 e rispettano i requisiti dell'allegato XVII del REACH (regolamento 552/2009) che hanno come campo di applicazione il prodotto tessile.

REACH

00 

Allo scopo di tutelare la salute dei consumatori, l’Unione Europea ha emanato il Regolamento Reach (entrato in vigore il 1° Giugno 2007) che vieta l’utilizzo di talune sostanze chimiche. COFRA garantisce la conformità al Regolamento Reach di tutti i guanti; essi non contengono sostanze vietate o limitate (Ammine aromatiche e 4-aminoazobenzene derivate da azocoloranti, metalli pesanti, ftalati, ecc) e, per garantire ciò, vengono effettuati controlli su tutti i tessuti e accessori utilizzati durante le fasi di produzione.

TP TC 019/2011
EAC 

Regolamento tecnico sulla sicurezza dei dispositivi di protezione individuali posti in circolazione nel territorio dell’unione doganale euroasiatica.

Questo sito utilizza i cookie, anche di profilazione di terze parti. Continuando a navigare il sito l'utente accetta di utilizzare i cookie.